“La stirpe del vino”, Attilio Scienza racconta la storia del vino che ha un’anima

Tempo di lettura: 2 min

Continua il tour di presentazione dell’ultima fatica letteraria del professor Attilio Scienza, decano dei ricercatori nonché esperto internazionale di genetica della vite. Nel suo libro “La stirpe del vino” (Sperling & Kupfer) racconta la storia millenaria di un prodotto che dà identità, storia e unicità ai territori nei quali nasce e che più che essere nutrimento o bevanda è cultura.

In principio fu il Pinot: capriccioso, poco produttivo, instabile nel colore, eppure capace di regalare vini così eleganti e profumati che generazioni di uomini, innamorati del suo succo, lo hanno curato e diffuso. E il Pinot li ha ripagati: mutevole per natura, ha dato origine al Pinot bianco e al Pinot grigio; incrociandosi, ha generato lo Chardonnay e forse il Traminer, dal quale derivano il Cabernet Sauvignon e il Merlot. In Italia ha per nipoti Marzemino, Lagrein e Refosco. La sua storia è esemplare: oggi in Europa si contano circa diecimila vitigni, diversissimi fra loro, che discendono però da pochi avi fondatori. L’analisi genetica ha rivelato insospettabili storie di incroci, scambi e migrazioni – come la probabile origine meridionale del Sangiovese – che vanno a intrecciarsi con racconti di conquiste, viaggi ed esplorazioni. Furono i mercanti a introdurre vitigni esotici, come moscati e malvasie, e gli uomini che si allontanavano dalla loro terra a portare con sé le proprie radici sotto forma di piante, andando a contaminare il patrimonio locale, fino a creare nuove varietà.
Nel libro Attilio Scienza, insieme a Serena Imazio, studiosi e ricercatori della genetica della vite, ricostruiscono per la prima volta la famiglia del vino: muovendosi fra analisi del DNA, archeologia, antropologia, mito e letteratura, raccontano l’origine e la storia dei grandi vitigni. Che è anche la storia dei territori in cui sono nati o hanno trovato casa e la storia degli uomini che alla vite hanno dedicato la loro vita. Un libro che non dovrebbe mancare nelle case di chi sa cosa sia davvero il vino e di quali valori è portatore. Scienza è un luminare: professore ordinario fuori ruolo presso l’Università degli Studi di Milano, dove ha insegnato Miglioramento genetico della Vite. I suoi temi di ricerca riguardano il miglioramento genetico delle varietà e portinnesti per incrocio e per selezione clonale, la valorizzazione dei vitigni antichi, lo studio delle interazioni tra il vitigno e l’ambiente ai fini del miglioramento della qualità dei vini. Si è occupato della salvaguardia e valorizzazione del germoplasma georgiano. È autore di 350 pubblicazioni scientifiche e di 15 libri, accademici e divulgativi, su argomenti relativi alla descrizione delle varietà, i loro rapporti con l’ambiente e la loro origine storica. Nel suo ultimo libro sceglie il linguaggio della divulgazione per far riflettere su vitigni che sono vere e proprie identità.

Leave a Reply