La Porta del Vino, l’enoturismo parte da Milano

Tempo di lettura: 2 min

A Milano, in Piazza Cinque Giornate, nell’edificio che una volta ospitava uno dei caselli daziari di accesso alla città, cresce e si articola l’attività “La Porta del Vino” (www.laportadelvino.com). La struttura nasce con lo scopo di divulgare al grande pubblico milanese l’estrema varietà e ricchezza dei vini lombardi e poi di quelli delle cantine aderenti al Movimento Turismo del Vino in tutta Italia.

In questo luogo si tengono, con un programma che diverrà progressivamente sempre più fitto e ricco, degustazioni e assaggi guidati, presentazioni di aziende vitivinicole, corsi di introduzione e di approfondimento sul mondo del vino e sugli abbinamenti con i cibi, incontri pubblici sui temi che riguardano il vino. Questo luogo nasce e vive per forte e determinata volontà del Movimento Turismo del Vino Lombardo e di Carlo Pietrasanta, già presidente nazionale dell’organizzazione, grazie a due convinzioni: la prima è che c’è nel pubblico grande desiderio di conoscere sempre di più la straordinaria varietà e ricchezza del panorama dei vini della nostra bella Italia; la seconda è che il turismo enogastronomico ha bisogno assoluto di basi di partenza strategiche, anche in termini di conoscenza, per poter scegliere dove e come andare a scoprire questa ricchezza.

In cravatta, da sinistra: Carlo Pietrasanta e l’assessore regionale Fabio Rolfi

Certamente non è un’enoteca o un wine bar, ma non è nemmeno un tempio per iniziati. Al contrario è soprattutto la porta d’accesso a un viaggio nel mondo del vino lombardo e italiano. Un viaggio che può essere metaforico – attraverso gli assaggi, le presentazioni e le narrazioni degli esperti e dei produttori – ma che può essere anche reale, perché tutti i produttori presenti sugli scaffali e sui banchi de La Porta del Vino sono attivi e convinti sostenitori dell’enoturismo, cioè della grande opportunità di imparare ad apprezzare il vino visitandone i luoghi di produzione.
All’interno si potranno trovare anche le informazioni aggiornate sulle iniziative del Movimento Turismo del Vino, le proposte turistiche delle cantine associate e altri spunti per chi ama i percorsi enogastronomici di qualità: tante possibilità e opportunità, sia per “viaggiare” rimanendo in città, sia per cominciare un viaggio vero e proprio partendo da Milano. Un progetto di valore regionale e nazionale, nel solco della nuova legge sull’enoturismo che l’iniziativa privata può trasformare in un volano importante per lo storytelling della Lombardia e dell’Italia del vino e dei sapori che sono identità da riscoprire oltre che la nuova economia su cui concentrarsi.

Leave a Reply