Nasce l’Osservatorio del Mercato del Vino dell’Unione Europea

Tempo di lettura: 1 min

Lanciato ufficialmente il 4 novembre, con una riunione tecnica di avvio, è nato il nuovo Osservatorio del Mercato del Vino dell’Unione Europea, affidato alla direzione di Michael Scannell.

Il direttore Michael Scannell

Il nuovo organismo porterà a poter fruire di analisi a breve-medio termine e di una maggiore trasparenza in un settore importante per l’agricoltura dell’Europa (in particolare in Italia, Francia e Spagna). L’UE è il più grande produttore di vino al mondo: 65% della produzione mondiale e 70% delle esportazioni.

L’osservatorio del mercato sarà aggiornato regolarmente con una vasta gamma di dati relativi a prezzi, produzione e commercio.

Report analitici e statistici, insieme a relazioni sulle prospettive a breve e medio termine saranno così disponibili anche per il settore vitivinicolo, analogamente a quanto accade già per altri comparti produttivi dell’Unione. Infine, nell’ambito dell’osservatorio appena costituito, saranno regolarmente organizzate riunioni che vedranno sedersi al tavolo esperti internazionali, per discutere dei trend e dello stato di evoluzione del mercato.

L’osservatorio terrà sotto la sua lente d’ingrandimento tutti i tipi di vino, dai generici a quelli ricadenti nell’ambito degli schemi di indicazione geografica: denominazione di origine protetta (DOP) e indicazione geografica protetta (IGP).

In sede UE esistevano già osservatori per colture, zucchero, carne e latte. L’ultimo, per il settore ortofrutticolo, è stato lanciato il 18 ottobre 2019. La Commissione europea ha progettato questi osservatori per aiutare il settore agricolo dei paesi membri a far fronte in modo più efficace alla volatilità del mercato e garantire una maggiore trasparenza. Ora anche il settore vino ha il suo punto di osservazione privilegiato.

Scarica EnoNautilus, vivi l’enoturismo 4.0!

EnoNautilus è il primo ed unico ecosistema informatico dedicato all’universo enogastronomico/enoturistico italiano, il primo che mutua alcune delle caratteristiche fondamentali dell’industry 4.0 a favore di un incremento della qualità produttività ed una semplificazione dell’incoming enoturistico.  

Leave a Reply